Forza d’Agrò. Nasce il “Museo delle tradizioni popolari siciliane”

20150812170135_museoariosto

Il convento agostiniano di Forza d’Agrò diverrà sede del “Museo delle Tradizioni Popolari Siciliane”. I saloni a piano terra sono stati messi a disposizione dall’Amministrazione comunale, in comodato d’uso, all’associazione “SiciliArte” che allestirà la struttura espositiva grazie ad un finanziamento di 180mila euro (sui 200mila richiesti) ottenuto nell’ambito dell’Avviso “Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici”. Il progetto di “SiciliArte”, piazzandosi al 67° posto della graduatoria con un punteggio di 70/100 era il primo dei non finanziati ma grazie al successivo scorrimento ha ottenuto ugualmente il contributo economico. Si tratta di un intervento promosso dal Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica e dal Dipartimento della gioventù e del Servizio civile nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri. A sostenere l’iniziativa, oltre al Comune di Forza d’Agrò che ha concesso i locali, anche la Soprintendenza di Messina, il Liceo Artistico Statale“ Ernesto Basile” e l’Istituto d’Istruzione Superiore “Antonello” di Messina. La convenzione è stata firmata a Roma preso il ministero dal prof. Carmelo Ariosto, presidente dell’associazione “SiciliArte”. Come prima iniziativa, fino al 30 agosto sarà possibile visitare la mostra “Il Costume popolare nella Valle d’Agrò e nella Riviera Jonica “ curata del prof. Ariosto. Tra gli oggetti esporti al pubblico una serie di stampe e costumi, originali e riprodotti, dei secoli XIX-XX, appartenenti ai territori della Val d’Agrò e della riviera jonica. La finalità del museo è quella di recuperare e valorizzare il ricco patrimonio delle tradizioni popolari appartenente all’identità culturale e alla memoria storica del popolo siciliano. Le attività coinvolgeranno in particolare gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado.

 

Fonte:

http://www.sikilynews.it/attualit/forza-dagro-nasce-il-museo-delle-tradizioni-popolari-siciliane/2592

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *